Ricette facili per tutti

Ricetta Torta Pasqualina di Carciofi

4 persone
Carciofi
Liguria, Savona

Ingredienti

600 g farina bianca
1 bicchiere vino bianco secco
400 g prescinsoea (cagliata di latte) (o ricotta)
12 carciofi (quelli veri, con le spine, non le 'mammole')
1 cipolla piccola
1 spicchio aglio
100 g formaggio parmigiano grattugiato
12 uova fresche
1 ciuffetto maggiorana
1 ciuffetto prezzemolo
olio d'oliva
sale
pepe

Preparazione Torta Pasqualina di Carciofi

Fare la fontana con la farina, versarvi 2 cucchiai di olio, un po' di sale, il bicchiere di vino bianco e impastare aggiungendo se necessario un poco di acqua tiepida sino ad ottenere un impasto consistente.
Lavorarlo per circa 10 minuti, poi dividerlo in una dozzina o più di pagnottelle uguali, infarinarle e lasciarle riposare per 2 ore circa sotto ad un tovagliolo appena umido, in un angolo tiepido della cucina.
Mondare i carciofi delle foglie più dure e delle spine (badate a non dimenticare quelle più piccoline nel centro), dividerli ognuno in 8 spicchi e soffriggerli con la cipolla tritata finché siano dorati.
Sbriciolare la ricotta, unitela ai carciofi, a 5 uova intere ed un bianco (il rosso tenetelo in una tazzina per spennellare la torta prima di infornarla), sale e pepe, la maggiorana, l'aglio e il prezzemolo tritati e metà del parmigiano e mescolate bene con un cucchiaio di legno.
Stendere col matterello le pagnottelle di pasta ottenendo delle sfogli sottili, larghe abbastanza da foderare una tortiera; non abbiate paura di farle troppo sottili perche' metà del pregio della torta sta proprio nella sfoglia delicata.
Ungere d'olio la tortiera, mettervi la prima sfoglia, ungerla d'olio e sovrapporre una seconda sfoglia (senza pressarla, anzi lasciando qualche bolla d'aria intrappolata) ungerla e continuare così fino a metà delle sfoglie che avete preparato.
Sopra questa disporre tutto il ripieno, livellarlo col dorso di un cucchiaio e praticare 6 incavi a distanze regolari.
In queste fossette mettere un gocciolino d'olio e scodellarvi le uova badando a non rompere il tuorlo, salare e pepare.
Cospargere col rimanente formaggio e sovrapporre una sfoglia, ungerla, sovrapporre una seconda sfoglia senza pressare e proseguire allo stesso modo fino ad esaurire le sfoglie rimaste.
Ripiegare verso l'interno la pasta che fuoriesce e formare un cordone pizzicandola giro in giro.
Spennellare la superficie con un poco di olio mescolato al rosso d'uovo rimasto, mettere in forno a 200 gradi e appena inizia a gonfiare bucherellarla con uno stuzzicadenti per lasciar uscire il vapore (non andate troppo a fondo per non rompere i tuorli delle uova); proseguire la cottura per circa 40 minuti.
http://www.dbricette.it


  • COLLEZIONE DI VINO DEL CAZZO, vino rosso e bianco , 6 bottiglie da cl. 75
    Collezione di 6 bottiglie di "vino del Cazzo" e "vino da Monta", e precisamente 3 bottiglie di vino barbera d'alba e3 bottiglie di vino roero arneis con etichette goliardiche e divertenti diverse fra loroVitigno: Barbera 100%Gradazione alcoolica min. :13%Affinamento: Affinamento in inoxColore: Rosso granato intensoProfumo: Vinoso intensoSapore: Asc...

    Prezzo su Amazon >>
  • COLLEZIONE DI VINO DEL CAZZO, vino rosso e bianco , 12 bottiglie da cl. 75
    Collezione di 12 bottiglie di "vino del Cazzo" e "vino da Monta", e precisamente 6 bottiglie di vino barbera d'alba e6 bottiglie di vino roero arneis con etichette goliardiche e divertenti diverse fra loroVitigno: Barbera 100%Gradazione alcoolica min. :13%Affinamento: Affinamento in inoxColore: Rosso granato intensoProfumo: Vinoso intensoSapore: As...

    Prezzo su Amazon >>
  • Barolo DOCG | Albe | 2016 | G.D. Vajra
    Un classico Barolo di Barolo che nasce da un attento assemblaggio dei migliori grappoli provenienti da tre diversi vigneti. Tre appezzamenti caratterizzati da differenti altitudini ed esposizioni, una somma che porta ad una particolare armonia. I Vajra amano infatti sottolineare quanto sia proprio il sole che, “nell’atto del suo risveglio, svelando...

    Prezzo su Amazon >>
  • Veneto Rosso IGT | Primofiore | 2017 | Giuseppe Quintarelli
    Il Primofiore di Quintarelli è un vino rosso intenso, ricco di aromi e profumi: perfetta fusione tra varietà di uva internazionali e autoctone della Valpolicella. Dopo una maturazione di quasi un anno in botte grande esprime una fragrante complessità dominata di note di viole e ciliegie. Al palato è morbido, rotondo, sapido e fresco...

    Prezzo su Amazon >>